News


News del 26/11/2013


MASCHIO GASPARDO: CONFERMATA LA PARTNERSHIP CON MAHINDRA

Il Gruppo, leader italiano e tra i primi al mondo nella produzione di attrezzature agricole per la lavorazione del terreno, semina e trattamento delle colture, conferma la partnership per i prossimi tre anni con la divisione di attrezzature agricole del colosso indiano.

Maschio Gaspardo compie un altro importante step nel mercato asiatico dell’agricoltura: ad Agritechnica, palcoscenico internazionale di spicco per il settore della meccanizzazione agricola, il Gruppo ha posto le basi per il rinnovo di un accordo triennale con la divisione Farm Equipment dell’indiana Mahindra, leader mondiale nella produzione di trattori agricoli, che permetterà al Gruppo stesso di espandersi ulteriormente su tutto il territorio indiano, assicurando una fornitura di 30.000 macchine all’anno, con l’obiettivo di raggiungere le 50.000 unità nel 2016, per un valore di oltre 50 milioni di Euro.

Maschio Gaspardo, dopo aver celebrato lo scorso settembre il primo anniversario dello stabilimento di Pune e la produzione della decimillesima macchina in India, attesta con questa intesa la volontà di rafforzare il proprio portfolio e di offrire una gamma di attrezzature agricole in grado di soddisfare pienamente le necessità e le richieste del mercato indiano, lavorando a stretto contatto con gli agricoltori.

Il Presidente Egidio Maschio ha espresso grande soddisfazione per l’accordo raggiunto: “Il mercato indiano è in forte espansione e il prosieguo della partnership con Mahindra rappresenta una valida occasione per lo sviluppo della nostra rete internazionale di relazioni tra fornitori e acquirenti, oltre a delineare un ulteriore passo avanti nel percorso di crescita del Gruppo”.

L’accordo è stato raggiunto grazie all’impegno continuo di Alessio Riulini, direttore dello stabilimento indiano di Maschio Gaspardo: “La collaborazione avviata tre anni fa con Mahindra si è rivelata una combinazione vincente tra la migliore offerta di attrezzature agricole e trattori presenti sul mercato indiano”.