News


News del 10/06/2016


VIA LIBERA DA PARTE DI TUTTI GLI ISTITUTI BANCARI ALL’ACCORDO PER LA RIMODULAZIONE DEL DEBITO DEL GRUPPO MASCHIO GASPARDO.

Il Gruppo Maschio Gaspardo, leader nella produzione di attrezzature agricole, ha siglato l’accordo per la rimodulazione del debito con i 24 istituti bancari creditori.

L’operazione è stata promossa dal Gruppo per riorganizzare il debito bancario in base alle prospettive reddituali e finanziarie del piano industriale 2015-2018.

Tra il 2009 e il 2014, il Gruppo ha vissuto uno straordinario sviluppo raddoppiando il fatturato, passato da 118 milioni di euro del 2009 ai 324 milioni di euro del 2014 - CAGR +22,4% - grazie agli investimenti e alle acquisizioni effettuate, sino a raggiungere l’obiettivo di essere l’unico operatore al mondo ad offrire una gamma completa di attrezzature agricole.

Con l’ingresso dell’Ing. Massimo Bordi nel ruolo di Amministratore Delegato, chiamato dalla famiglia Maschio alla guida dell’azienda a inizio giugno 2015, il Gruppo ha intrapreso un percorso di consolidamento e valorizzazione del posizionamento di leadership nel mercato di riferimento.

Le banche hanno confermato la fiducia al Gruppo e al nuovo management rinnovando le linee di credito commerciali per un periodo di 3 anni e ridefinendo i piani di ammortamento dei debiti a medio lungo.

Attraverso questo accordo, il management può concentrare i propri sforzi sul perseguimento degli ambiziosi obiettivi industriali e di mercato e puntare a rafforzare il proprio posizionamento di leader globale nel proprio segmento di business, sulla base del piano industriale 2015-2018, le cui linee guida sono:

  • la ridefinizione della struttura organizzativa del Gruppo attraverso il rafforzamento della prima linea di Manager che riportano direttamente all’Amministratore Delegato;
  • la semplificazione della struttura societaria con la dismissione degli asset non strategici;
  • la revisione dell’organizzazione produttiva attraverso la razionalizzazione degli stabilimenti e dei magazzini;  
  • il miglioramento dell’Ebitda grazie all’incremento dei margini commerciali e al contenimento dei costi di struttura;
  • la riduzione dell’indebitamento finanziario netto per effetto delle iniziative di razionalizzazione ed incremento della marginalità sopra delineate. 

I risultati al 31 dicembre 2015 mostrano già gli effetti positivi delle azioni intraprese grazie a un fatturato consolidato di 298 milioni di euro e un Ebitda di 25 milioni di euro in linea con le previsioni del piano. Anche la posizione finanziaria netta mostra al 31 dicembre 2015 un rilevante miglioramento attestandosi a 198 milioni di euro rispetto ai 240 milioni di euro al 31 dicembre 2014.

Nell’ambito dell’operazione il Gruppo Maschio Gaspardo si è avvalso dell’assistenza della PricewaterhouseCoopers in qualità di advisor finanziario e, per gli aspetti legali, del team dello studio Legance di Milano. Le banche sono state assistite da Latham & Watkins per gli aspetti legali.

La firma dell’accordo con le banche rappresenta un passo fondamentale nel piano di consolidamento e di sviluppo del Gruppo e ci consente di guardare al futuro con grande ottimismo." - Ha dichiarato Massimo Bordi, Amministratore Delegato del Gruppo Maschio Gaspardo.

___

Il Gruppo Maschio Gaspardo è leader nella produzione di macchine per la lavorazione del terreno, semina, trattamento delle colture, manutenzione del verde e fienagione. Fondato a Campodarsego (PD) nel 1964 dai fratelli Egidio e Giorgio Maschio, il Gruppo impiega nel mondo 1.800 dipendenti in 15 stabilimenti produttivi, di cui 3 all’estero - Cina, India e Romania - e in 12 filiali commerciali (Francia, Spagna, Germania, Polonia, Ucraina, Turchia, Russia, Nord America, Cina, India, Romania). Con un fatturato di circa 300 milioni di cui l’80% viene esportato in 100 paesi del mondo, il Gruppo si posiziona al primo posto in Italia e tra i primi produttori al mondo nel settore delle attrezzature agricole. La famiglia Maschio, azionista di maggioranza, detiene l’86% del capitale sociale mentre il restante 14% è posseduto da Friulia Finanziaria FVG Spa, partner storico della Società.