News


News del 12/04/2014


IL GRUPPO MASCHIO GASPARDO PRESENTA IL BILANCIO 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

“Il Gruppo Maschio Gaspardo continua a crescere grazie all’impegno dei suoi dipendenti, alla fiducia dei suoi fornitori e al sostegno degli istituti finanziari. Insieme a loro vogliamo investire nel futuro per vincere le sfide che ci attendono, sempre puntando su qualità ed eccellenza”. Con queste parole i fondatori Egidio e Giorgio Maschio hanno commentato i risultati finanziari del 2013 e il piano industriale per il prossimo quinquennio del Gruppo Maschio Gaspardo. Innovazione e crescita profittevole sono elementi chiave della strategia del Gruppo.

 

IL BILANCIO 2013
Al 31 dicembre 2013 i ricavi consolidati del Gruppo Maschio Gaspardo ammontano a 282 milioni di euro in aumento del 20%, rispetto ai 236 milioni registrati nel 2012.

A testimonianza dell’ottimo andamento della gestione, l’EBITDA a fine 2013 si attesta a 34.5 milioni di euro (EBITDA Margin pari al 12,3%), in aumento del 4% rispetto al 2012.

Dall’analisi per area geografica dei ricavi, le vendite realizzate all’estero rappresentano l’85% del fatturato del Gruppo Maschio Gaspardo e nel 2013 le esportazioni hanno maggiormente interessato i mercati dell’EMEA e il continente asiatico.

L’EBIT si attesta a 24.4 milioni di euro (8,7% del fatturato) e gli utili sono pari a 7.2 milioni di euro (2,5% del fatturato).

Come avvenuto negli anni scorsi, il Gruppo anche quest’anno reinvestirà i profitti in azienda per potenziare lo sviluppo tecnologico e occupazionale dei propri stabilimenti produttivi e sostenere la crescita della rete commerciale, investendo sul mercato italiano ed estero. Inoltre supporterà il miglioramento delle competenze delle risorse umane, sostenendo l’innovazione non solo nei prodotti e nei servizi, ma anche nei processi e nei modelli di gestione applicati.

I risultati in notevole crescita del Gruppo Maschio Gaspardo sono stati accompagnati in questi anni da un incremento costante del personale che ha registrato solo in Italia 222 nuove assunzioni nel 2013. Anche negli stabilimenti produttivi presenti in Romania, Cina e India, mercati sviluppati dall’AD Andrea Maschio insieme all’AD Mirco Maschio, il numero dei dipendenti è aumentato di circa 100 unità.

Gli investimenti
Nel periodo 2010-2013 il Gruppo ha investito un totale di 120 milioni di euro, di cui 40 milioni di euro nel 2013, per accompagnare la crescita sul mercato locale e soprattutto sui mercati esteri.

In particolare, tali risorse finanziarie sono state destinate agli ampliamenti dei siti produttivi italiani di Campodarsego (PD) e Morsano al Tagliamento (PN), all’avvio del nuovo sito produttivo di Portogruaro (VE), su un’area di 50.000 m2, di cui 15.000 m2, dedicati alla produzione di sprayer trainati, sprayer semoventi e seminatrici di grandi dimensioni e a DeWitt negli USA, oltre che per il rafforzamento dell’attività di R&D dedicate alla realizzazione di nuove macchine per la lavorazione del terreno e per la semina.

“Nel corso del 2013 il Gruppo ha conseguito risultati in linea con gli obiettivi prefissati a inizio anno, sia in termini di fatturato che di margine operativo lordo. Pur operando in uno scenario macro-economico caratterizzato da un’elevata incertezza e competitività, il bilancio attesta l’ottimo andamento patrimoniale e reddituale del Gruppo Maschio Gaspardo, asserendo un significativo miglioramento rispetto all’esercizio scorso”, ha dichiarato Egidio Maschio, Presidente del Gruppo Maschio Gaspardo.“Ringrazio ancora tutti i dipendenti, i fornitori e le banche per il loro sostegno. Vogliamo crescere e diventare ancora più grandi insieme a loro”.

PIANO INDUSTRIALE 2014-2018
Un nuovo piano per proseguire lo straordinario percorso di crescita registrato dal Gruppo fino a oggi, nonostante un quadro esterno ancora estremamente severo, e soprattutto per confermare la posizione di leader nel proprio settore di riferimento. È questo lo spirito del nuovo piano industriale 2014-2018 del Gruppo Maschio Gaspardo.

Complessivamente il nuovo piano prevede in coerenza con il percorso strategico già avviato negli scorsi esercizi, ulteriori investimenti destinati alla crescita per un ammontare pari a circa 130 milioni di euro.

Già nel primo trimestre del 2014 il Gruppo ha avviato il nuovo percorso di crescita raggiungendo la full-line di prodotto attraverso l’acquisizione della Feraboli di Cremona, azienda storica specializzata nella produzione di macchine per la fienagione.

Le nuove risorse finanziarie del piano saranno destinate principalmente per:

  • la costruzione del nuovo stabilimento produttivo in Cina da oltre 33.000 m2;
  • l’ampliamento di 10.000 m2 dello stabilimento di Maschio Gaspardo Romania;
  • l’ulteriore ampliamento degli stabilimenti esistenti in Italia con l’obiettivo di aumentare la capacità produttiva;
  • portare a regime il nuovo stabilimento statunitense a DeWitt;
  • l’ampliamento delle filiali commerciali estere;
  • rafforzamento della presenza in Sud America e nel continente africano.

“Con l’approvazione del bilancio 2013 e il nuovo piano industriale 2014-2018 poniamo un altro mattone fondamentale nel nostro processo di crescita, dimostrando di essere un player globale nel settore della meccanizzazione agricola, confermando anche per il futuro i nostri investimenti in un business in grande espansione”, ha continuato Egidio Maschio. ”Le previsioni indicano che il mercato mondiale delle macchine agricole crescerà nei prossimi 4 anni con un tasso annuo di oltre il 7% (CAGR, fonte datamonitor), trainato dall’aumento previsto della produzione mondiale di cereali, seguendo il trend di crescita demografica. Il Gruppo Maschio Gaspardo, grazie agli investimenti stanziati e alla propria gamma di prodotti sempre più completa, dimostra di essere pienamente in grado di competere con i principali concorrenti internazionali”.

“Il nuovo piano industriale, rappresenta non solo una conferma dei nostri progetti di crescita internazionale, ma anche una grande opportunità per costruire un futuro stabile e redditizio assieme agli istituti bancari, fornitori, clienti e partner societari”, ha continuato Egidio Maschio. “Abbiamo presentato un piano per i prossimi 5 anni che prevede investimenti per 130 milioni di euro che saranno cruciali per promuovere l’occupazione sul territorio italiano e nelle sedi estere. Tutto questo all’interno di un quadro di equilibrio finanziario nella gestione di impresa. Con il nuovo piano industriale abbiamo mostrato una strategia coerente e progressiva, in grado di potenziare le sinergie interne ed esterne al Gruppo verso l’eccellenza”.